HamTV school contact - Un successo italiano

Giovedi 11 Febbraio 2016, alle 18:11 UTC, è stato effettuato il contatto radio ARISS tra la Royal Masonic School for Girls, Rickmansworth, Regno Unito e la ISS.

Il contatto è stato effettuato da Tim Peake, KG5BVI nell'ambito della missione Principia.

E 'stato un evento storico: il contatto radio è stato arricchito con il video! Tim Peake ha attivato il trasmettitore Ham Video a bordo del modulo Columbus.

Video ARISS Tim Peake GB1SS QSO with GB1RMS

Già nel 2000, una proposta per un sistema di ATV sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) era stata presentata al Comitato Progetto ARISS  da Graham Shirville G3VZV. Nel novembre 2002 fu presentata da Gaston Bertels, ON4WF una richiesta di servizi radioamatoriali durante la fase di costruzione del modulo Columbus al signor Jörg Feustel-Buechl, Direttore del Manned Spaceflight and Microgravity Directorate dell'ESA.

La richiesta era di installare antenne radioamatoriali a banda larga sul modulo Colombus, di fronte alla Terra. Con tali antenne, i servizi radioamatorili a bordo sarebbero potuti essere estesi alla TV amatoriale.Nel 2003 la richiesta è stata esaminata in dettaglio e finalmente accettata. ARISS avrebbe pagato per lo sviluppo, la produzione e la qualificazione delle antenne. ESA avrebbe sostenuto i costi di installazione. ARISS-Europe ha iniziato così una campagna di finanziamento.

Nel 2004 sono stati installati sulla Colombus i passaggi per i cavi coassiali; questo è stato necessario per accedere alle antenne con linee di alimentazione dall'interno del modulo.

Nel 2005, la Royal Belgian Amateur Radio Society (UBA) ha firmato un contratto con l'Università di Tecnologia di Breslavia, in Polonia per lo sviluppo e la produzione delle antenne. Mentre i piani iniziali erano per antenne UHF, banda L e S-band, ma solo le antenne in banda L ed S poterno essere ordinate per mancanza di fondi. Il costo del progetto è stato di 47.000 €.

All'inizio del 2006 le antenne sono state consegnate a ESA. Nel frattempo, la EADS, il principale contractor della Columbus, e Alenia Spazio subappaltatore avevano esaminato i vincoli meccanici e termici. La Wroclaw University ha proceduto alle prove di qualificazione (costo 3.000 €) e le antenne non furono certificate.

Nel 2007 un contratto aggiuntivo è stato firmato con l'Università di Wroclaw per lo sviluppo di antenne modificate; questo è stato pari a 36.000 €. Queste antenne sono state accettate e installate su Columbus nell'ottobre 2007. Il costo delle antenne,  alla fine, è stato pari a 86.000 € ed è stato coperto da una campagna di finanziamento.

ESA ha supportato il costo totale di installazione delle antenne. Dopo il successo del lancio del modulo Columbus e la sua integrazione nel complesso della ISS, un gruppo di lavoro ARISS-Europe ha iniziato uno studio per lo sviluppo di un trasmettitore televisivo amatoriale, utilizzando una delle antenne in banda S; si è aperto così un dibattito tra i sostenitori della televisione analogica (ATV) ei sostenitori della televisione digitale (DATV). Il gruppo di lavoro, che si è riunito mensilmente via teleconferenza, ha fatto progressi, ma è stato bloccato dalla mancanza di fondi. Col passare del tempo, il dibattito sulla ATV contro DATV si è evoluto a vantaggio di questi ultimi, ma nessun finanziamento era in vista ... Poi, improvvisamente, sostenuti dall'entusiasmo dell' astronauta italiano Paolo Nespoli IZ0JPA, che aveva eseguito molti contatti scolastici ARISS durante il suo periodo  a bordo della ISS nel 2010-2011, su iniziativa di AMSAT Italia, un produttore italiano, la Kayser Italia, ha presentato ai servizi educativi dell'ESA un progetto per un trasmettitore DATV.

Nel 2012, questa proposta è stata accettata e l'ESA ha firmato un contratto con la Kayser Italia per lo sviluppo e la produzione di un trasmettitore DATV in S-band. Questo trasmettitore, soprannominato 'Ham Video', è stato installato sulla Columbus e l'ESA ha trasferito la custodia di questa apparecchiatura all'ARISS.

E 'stato un lungo cammino, che coprono sedici anni, dalla proposta iniziale al primo school contact HamTV. Una nuova era si apre per gli operatori delle stazioni di terra, interessate a ricevere la televisione digitale amatoriale dalla Stazione Spaziale Internazionale.

Lunga vita ad HamTV!

73,Gaston Bertels, ON4WF

ARISS-Europe past chairman