Bandplan Italiano

Band Plan Italiano

VHF – UHF- SHF- EHF

-.-

1. Secondo le indicazioni del Piano Nazionale Ripartizione Frequenze

(GU Serie Generale N. 143 del 23-06-2015 – Suppl. Ordinario N. 33).

2. Secondo le indicazioni IARU Reg. 1 a seguito della General Conference di Varna

(Sett. 2014), come pubblicate nello IARU VHF Handbook.

-.-

Scarica il Bandplan (pdf)

-.-

Modifiche al Band-Plan VHF & Up dopo la GC IARU Reg.1 di Varna (Sett. 2014)

 

Le modifiche apportate al Band-Plan IARU non sono state molte, e riguardano per lo più correzioni di nomenclatura e false interpretazioni :

50 MHz : Lo spostamento dei beacon nella porzione 50,400 – 50,500 è ancora incompleto ed è quindi stato dato ulteriore tempo, fino alla fine del 2015 (31 Dic.).

Si è rammentato che anche in passato con lo spostamento dei beacon per le bande 144 e 432 i tempi non sono stati brevi, il lavoro prosegue.

Per quanto concerne il discorso del Beacon Project esso è ancora indefinito ed è stato indicato in Murray Niman, G6JYB la figura di coordinamento per tale progetto.

Relativamente alle modifiche del PNRF, anche in Italia abbiamo ora accesso alla porzione di banda 51,000-52,000 MHz.

In tale banda sarà così possibile installare le stazioni ripetitrici FM come negli altri paesi della IARU Reg. 1 liberando, la porzione riservata dal 2016 esclusivamente ai beacon 50,400-50,500 MHz, dai disturbi attualmente in essere da parte dei pochi ripetitori legalmente installati, ma che purtroppo non rispettano il seguente band-plan e creano disturbo ad altri servizi.

145 MHz : La modifica principale riguarda i primissimi 25 kHz di banda che saranno riservati al traffico in down link dai Satelliti, dopo accordo con le IARU Reg. 2 e 3.

Sono state definite come Centro di attività per la trasmissione di Immagini (SSTV-FAX-etc.) la frequenza 144,500 MHz e per i Modi Dati (RTTY-AMTOR-MGM-etc.) la frequenza 144,600 MHz.

435 MHz : In tale banda una importante novità è stata introdotta per quello che concerne il nostro paese. Come ben sappiamo i 70cm in Italia sono “mutilati” dei 434 MHz e della porzione 438-440 MHz in uso negli altri paesi della IARU Reg.1 anche a noi confinanti.

Questo non permette su tale banda l’uso dell’ATV e/o DATV in Italia, per motivi di larghezza spettrale, e l’installazione di ripetitori con shift tali da permettere nuove installazioni senza andare ad invadere le porzioni di banda esclusive satellite (435-438 MHz).

Per ovviare a tale mancanza è stata predisposta una ulteriore finestra di frequenze ove poter installare stazioni ripetitrici FM o DV con una spaziatura di 12,5 kHz e uno shift di 1,6 MHz, che non vada a collidere con la sottobanda satelliti né tanto meno con le installazioni dei paesi confinanti; tali nuovi canali sono come da tabella seguente con l’indicazione del canale secondo la IARU :

Channel Uplink Downlink
RU226 431225,00 432825,00
RU227 431237,50 432837,50
RU228 431250,00 432850,00
RU229 431262,50 432862,50
RU230 431275,00 432875,00
RU231 431287,50 432887,50
RU232 431300,00 432900,00
RU233 431312,50 432912,50
RU234 431325,00 432925,00
RU235 431337,50 432937,50
RU236 431350,00 432950,00
RU237 431362,50 432962,50
RU238 431375,00 432975,00
RU239 431387,50 432987,50
RU240 431400,00 433000,00
RU241 431412,50 433012,50
RU242 431425,00 433025,00
RU243 431437,50 433037,50
RU244 431450,00 433050,00
RU245 431462,50 433062,50
RU246 431475,00 433075,00
RU247 431487,50 433087,50
RU248 431500,00 433100,00
RU249 431512,50 433112,50
RU250 431525,00 433125,00
RU251 431537,50 433137,50
RU252 431550,00 433150,00
RU253 431562,50 433162,50
RU254 431575,00 433175,00
RU255 431587,50 433187,50
RU256 431600,00 433200,00

Si spera in tal modo di aver soddisfatto le richieste di ulteriori canali per stazioni ripetitrici in modo da non andare a collidere con servizi differenti, specialmente satellitari o Narrow Band (CW-SSB-MGM).